ARTE CINE&TURISMO CINEMA INTERVISTE LIBERAMENTE LIBRI LO SAPEVATE CHE... MODA E TENDENZE MUSICA NEWS RECENSIONI SR E JR RUBRICHE TEATRO TV
Caricamento in corso

“Tutti lo sanno” di Asghar Farnadi, apre la 71° edizione del Festival di Cannes

“Tutti lo sanno” di Asghar Farnadi, apre la 71° edizione del Festival di Cannes

Condividi questo articolo:

Ashgar Farnadi: Tutti lo sanno

L’imminente edizione del Festival di Cannes si aprirà quest’anno con la proiezione dell’ultimo film diretto da Asghar Farnadi, Todos lo saben (Tutti lo sanno), in concorso per la Palma d’Oro. Il regista iraniano è giunto alla sua ottava prova che sarà presentata in anteprima mondiale la sera dell’8 maggio alle ore 20 presso il Grand Theatre Lumiére al Pais Des Festival. L’opera è girata interamente in lingua spagnola e nella penisola iberica ed è la prima d’apertura a Cannes non girata in francese o inglese. Non accadeva dal 2004, quando venne proiettato Bad education di Pedro Almòdovar. Affianco ad Asghar, un cast di attori di tutto rispetto tra cui citiamo Penelope Cruz, Javier Bardem e Riccardo Darin.
Laura, protagonista di Todos lo saben, vive serenamente con il marito e figli a Buenos Aires. Quando la sua famiglia la invita a ritornare in Spagna per una festa, un evento inaspettato le cambia la vita. Da questa trama, nasce un thriller psicologico che si annuncia molto interessante, anche grazie al contributo di una squadra affiatata e mai priva di idee. Ne fanno parte il fotografo José Luis Alcaine; la costumista Sonia Grande, nota per aver lavorato sul set di Midnight in Paris e The others; l’editore iraniano Hayadeh Safyari.
Dal 2006, anno in cui gli si sono schiuse le porte del cinema, Asghar Farnadi si è affermato come uno tra i registi più influenti e acclamati dell’Iran. Oggi il suo virtuosismo nel dirigere, ma anche la capacità di realizzare sceneggiature sempre eleganti, raffinate e realistiche, hanno sempre ottenuto grandi riconoscimenti in ogni parte del mondo. Nel 2008 About Elly vinse l’Orso d’Argento per il miglior regista internazionale a Berlino. Il successo si è ripetuto tre anni dopo grazie a La separazione. La statua stavolta è d’Oro e nella trasferta Hollywoodiana per la Notte degli Oscar 2012, il regista si vede assegnare dalla giuria, l’Oscar come miglior film straniero. Citiamo infine, grandi attori come Berenice Bejo, da lui diretta in The past e Shahab Hosseini in The salesman. Entrambi si sono guadagnati la Palma d’Oro nelle edizioni del 2013 e nel 2016 grazie ai rispettivi ruoli di Marie e Emad.

Eugenio Bonardi