La Royal Opera House celebra quest’anno 10 anni di trasmissione in diretta al cinema, avendo fatto da apripista nella diffusione via satellite di opere di punta e balletti in tutto il mondo consentendo al pubblico di accedere, inoltre, ad una varietà di contenuti live stream e on demand sul suo canale You Tube tra i più seguiti del settore.

Triple Bill, esempio classico del balletto contemporaneo,  verrà trasmesso il prossimo 16 maggio nei cinema italiani in diretta via satellite dalla Royal Opera House di Covent Garden di Londra: il volto contemporaneo del Royal Ballet viene così svelato nei tre lavori, due recenti e uno inedito, di tre noti coreografi Christopher Wheeldon, Crystal Pite e Sidi Larbi Within Cherkaoui.

Le tre esibizioni presentano le nuove visioni sulla danza del Royal Ballet: “ Within the Golden Hour “ di Wheeldon è ispirato al cambiamento delle stagioni ed è incentrato su sette coppie che si separano e si mescolano tra di loro e, illuminato dalla luce e dai colori del tramonto, si avvale della musica di Vivaldi ed Ezio Bosso.

Con il terzo balletto, “Flight Pattern “  Crystal Pite esprime attraverso la danza contemporanea la sua toccante riflessione sulla crisi dei migranti, con 36 ballerini che si muovono all’unisono sulle note della musica tratta dalla Symphony of Sorrowful Songs di Henryk Mikołaj Górecki.

Gli appuntamenti via tv con la Royal Opera House e quelli che seguiranno al cinema offrono al pubblico di tutto il mondo materiale esclusivo capace di raccontare quel che accade dietro le quinte con interviste e dettagliati ritratti dei performer.

Nella stagione 2017/18 più di un milione di persone a livello internazionale hanno assistito a una produzione di un’opera di punta o di un balletto della Royal Opera House in uno degli oltre 1.500 cinema che partecipano all’iniziativa in 51 nazioni.

In Italia la stagione 2018-2019 della Royal Opera House è distribuita nei cinema italiani da Nexo Digital in collaborazione con Classica HD, MYmovies.it, Amadeus, Danza&Danza e Danzadove, Sipario-La Rivista dello Spettacolo, British Council e il progetto UK Italy Partners for Culture.

( Foto di Tristram Kenson ) 

Commenti

commenti