Firenze è una destinazione stupenda, sempre. Ogni stagione, ogni tipo di clima, ogni evento è perfetto per una vacanza fiorentina. E mai come quest’anno 2019 l’occasione è stata propizia, dato che è l’anno del cinquecentenario della morte di Leonardo Da Vinci. Il grande genio toscano ci ha lasciati nel 1519 ma il seme della sua grandezza ha continuato a crescere nel mondo e nel tempo facendo di lui un mito inarrivabile. Oggi tutto il mondo torna a Firenze in cerca delle sue tracce eterne e, anche se l’anno 2019 è al termine, gli eventi legati alla figura di Leonardo continueranno fino a tutto gennaio 2020.

Perché concludere l’anno nella Firenze di Leonardo?

Perché da undici mesi ormai la città si è attivata per celebrare Leonardo Da Vinci e tutte le sue opere con ogni mezzo. E il mese di dicembre non sarà certo l’ultima occasione per seguire le orme di questo genio, dato che alcune iniziative, come ad esempio Itinerario Leonardiano: Sulle Tracce della Battaglia di Anghiari termineranno soltanto il 23 gennaio 2020.

In dicembre continuano quasi tutte le iniziative turistiche e museali nel nome di Da Vinci. Molti tour sono stati modificati o aggiunti ad arte in modo da dirigere l’attenzione sull’artista e il suo mondo. Lo scopo è quello di far conoscere Firenze a chi non l’aveva mai vista, e farla amare ancora di più a chi già l’ama, grazie all’aggiunta di un tema che consente di ammirare i suoi monumenti con occhi diversi. Con occhi nuovi. Gli occhi di Leonardo.

Cosa fare a Firenze sulle tracce di Leonardo

Diversi siti e tour operator organizzano visite guidate e percorsi sulle tracce di Leonardo Da Vinci. Prenotando, per telefono oppure online, potrete conoscere prezzi, giorni e orari per fare il vostro viaggio al seguito del mito. Le scelte sono ampie. Potete decidere per il classico itinerario a piedi, nei luoghi che tutti conoscono: Palazzo Vecchio, Ponte Vecchio, Santa Maria Nuova, Santa Croce. Luoghi che Leonardo ha frequentato e che lo hanno ispirato per alcune delle sue opere, non solo artistiche ma anche tecnologico-scientifiche.

In alternativa, un tour diffuso per i comuni che insieme a Firenze hanno fatto rete nel nome di Leonardo. Castelfiorentino, Montelupo, Capraia, Limiti, Vinci e altri ospitano opere o imitazioni delle opere del Maestro che consentono di completare la visita turistica del capoluogo con paesaggi e stimoli diversi. Volendo, potrete anche vedere i paesaggi naturali che Leonardo ha immortalato per sempre nei suoi quadri, con escursioni nella campagna di Fiesole o nei dintorni di Vinci.

Dove è possibile incontrare Leonardo

A Firenze il luogo più sicuro per “incontrare” Leonardo è il museo degli Uffizi. Qui sono conservate tre delle sue opere più belle: L’Annunciazione, L’Adorazione dei Magi e il Battesimo di Cristo. Sempre agli Uffizi ammirerete il Gabinetto dei Disegni di Leonardo, che è rientrato in sede da poco, dopo esser stato in mostra a Vinci fino allo scorso ottobre. Tra i tanti, qui è custodito il primissimo disegno del Maestro, “Paesaggio con Fiume”, datato 1473.

Ma dovrete spostarvi nel suo paese, a Vinci (60 km da Firenze), per trovare il resto del suo mondo. La sua casa natale in contrada Anchiano, che oggi è un museo in cui i turisti vengono accolti dall’ologramma di Leonardo, che parla con loro a tu per tu! Qui sorge il Museo Leonardiano che conserva alcune sue opere, in particolare le macchine meccaniche, i bozzetti scientifici e alcuni dei suoi misteriosi “codici”. Sempre a Vinci, quest’anno, Leonardo è stato celebrato con una esposizione permanente di opere di arte contemporanea che si rifanno alle sue complesse strutture e ai suoi progetti.

Commenti

commenti