Quincy Jones a Roma

QUINCY JONES: LA LIBERTA’ SI CHIAMA JAZZ!  L’ artista americano 85enne per la prima volta a Umbria jazz il 13 Luglio 2018
Quincy Jones a Roma, uno dei miti della storia della musica internazionale, ha incontrato la stampa che ha accolto con trepidazione ed entusiasmo l’arrivo dell’intramontabile musicista e produttore, che si è presentato al pubblico in perfetta forma e tenuta giovanile con cappellino da baseball e jeans.
Ad accoglierlo Renzo Arbore, presidente della fondazione Umbria Jazz che cosi si è espresso: “ avere uno degli inventori del jazz moderno, il grandissimo Quincy Jones, per il 45mo anniversario e’ un’emozione incredibile” . Presenti anche alla conferenza stampa Nanni Zedda che curerà la regia della serata, Nick Harper e Carlo Pagnotta direttore artistico di Umbria Jazz.
Per celebrare gli 85 anni di questa icona della musica, Umbria Jazz ha organizzato uno spettacolo che è anche una festa di compleanno. Sul palco dell’arena Santa Giuliana si alterneranno, grandi artisti che in passato hanno lavorato con lui: la star della canzone americana Patti Austin, i virtuosi della vocalità jazz Take 6, Dee Dee Bridgewater, Noa, e il suo storico partner il chitarrista e compositore Gil Dor, un grande della musica brasiliana, Ivan Lins, e, da Cuba, Alfredo Rodriguez e Pedrito Martinez. Special guest della serata Paolo Fresu trombettista jazz molto apprezzato anche all’estero e considerato da Quincy Jones uno dei più grandi musicisti italiani. La serata sarà accompagnata dalla ORCHESTRA DA CAMERA DI PERUGIA e presentata da NICK THE NIGHTFLY
Durante la conferenza l’artista ha espresso tutto il suo amore per l’arte e la cultura italiana. E’ un legame forte quello con l’Italia consolidato da amicizie importanti “ sono cresciuto con molti musicisti italiani come Romano Mussolini; tra i più cari ricordo anche Piero Piccioni, Armando Trovajoli, Ennio Morricone, con il quale ho uno stretto rapporto di amicizia; in generale ho un forte legame con la musica Italiana e il jazz italiano” .
“ Mi sento come Michelangelo” afferma ironicamente “ e mi considero un uomo fortunato perché ho potuto conoscere tutti i più grandi musicisti del mio tempo”.
Jones non è solo un semplice musicista ma è un compositore, un direttore d’orchestra, un punto di riferimento per il mondo musicale afroamericano. A tal proposito ricordiamo la Listen Up Foundation di Quincy Jones che raccolse fondi nel 2001 per la costruzione di case per Nelson Mandela in Sudafrica, e nel 2004 organizzò un concerto dal vivo a Roma con numerosi artisti quali Carlos Santana, Alicia Keys, Angelina Jolie, Oprah Winfrey, Evander Holyfield, Chris Tucker e altri, davanti a mezzo milione di spettatori.
In qualità di arrangiatore che ha scritto musica per decine di artisti, senza dimenticare le colonne sonore o la produzione di dischi entrati nella leggenda come «Thriller», che ha venduto 130 milioni di copie. Elencare gli artisti per i quali e con i quali nel corso della carriera Jones ha lavorato, nelle sue varie mansioni, è praticamente impossibile. Tra questi: Count Basie, Duke Ellington, Ray Charles, Sarah Vaughan, Dizzy Gillespie, Miles Davis, Dean Martin, Frank Sinatra, Clifford Brown & Helen Merrill, Dinah Washington, Lionel Hampton, Diana Ross, Ella Fitzgerald, Barbra Streisand, Tony Bennett.
Quincy Jones ha via via ampliato i suoi orizzonti musicali senza pregiudizi, esplorando dal suo punto di vista pop, hip hop, soul, musica africana e brasiliana, musica classica e creando “ibridi” che sfuggono a qualsiasi paletto o limitazioni di genere. Una carriera lunghissima, costellata da 28 Grammy, iniziata quando da ragazzino suonava in piccoli locali, come ricordato anche nell’occasione romana “per tirare su qualche soldo insieme a un altro giovane di buone speranze, Ray Charles”.
Ai giornalisti l’eterno ragazzo di Chicago, ha spiegato cosa sia per lui il concetto di libertà e come sia stato fondamentale avere una formazione jazz che gli ha permesso di esprimersi liberamente “Il jazz per me era e resta libertà. Non ha cambiato significato. Il jazz è libertà di andare dove si vuole con la musica. Il jazz è tante cose, dal be- bop all’hip- hop. Io ho suonato e prodotto ogni tipo di musica, dalla classica al pop, e anche questo fa parte di un approccio jazz”. Libertà, contaminazioni e radici sono concetti che tornano spesso nelle parole e nella musica di Jones che ha ricordato anche la genesi di «We are the world», che ha ormai più di 30 anni: «Dopo l’iniziativa – racconta – promossa da Geldolf e Bono in Gran Bretagna, Harry Belafonte viene da me proponendomi un grande tour, cosa difficile; allora abbiamo deciso di registrare una canzone. Se è servito? Sì, perché abbiamo raccolto 63 milioni di dollari riuscendo così a fare operazioni benefiche in Etiopia e non solo».
Dalle sue parole traspare tutto il sentimento di un uomo che ha messo in primo piano le sue emozioni e che come lui stesso afferma “ non ho mai scelto pensando al successo o ai soldi ma alle emozioni. Perché se una musica mi sa emozionare ritengo che possa emozionare anche gli altri e quindi funzionare…”
Appuntamento quindi Venerdi 13 Luglio sul palco di Umbria jazz con il re della musica che siamo sicuri ci regalerà ancora una volta brividi sulla pelle!

Maddalena Maglione

Commenti

commenti