ARTE CINE&TURISMO CINEMA INTERVISTE LIBERAMENTE LIBRI LO SAPEVATE CHE... MODA E TENDENZE MUSICA NEWS RECENSIONI SR E JR RUBRICHE TEATRO TV
Caricamento in corso

Iniziate le riprese de “ Il migliore dei mali “ di Violetta Rovetto

Iniziate le riprese de “ Il migliore dei mali “ di Violetta Rovetto

Condividi questo articolo:

 

Violetta Rovetto esordisce alla regia con una pellicola che esalta la cultura pop degli anni ’90: nel suo film le cui riprese sono appena iniziate a Civitavecchia Violetta Rovetto racconta una forma di riscatto e la capacità di adattamento a un destino avverso: la storia è ambientata sul finire degli Anni ’90 nell’Italia del Sud e vede protagonisti cinque ragazzini alle prese con la scomparsa di un cane; sullo sfondo, incombente, un’industria chimica, la Termaranto, fonte di sostentamento della maggioranza della popolazione e piena di verità celate le cui esalazioni tossiche oltre ad aver portato via qualcosa ai ragazzi sembrano anche aver “donato” loro qualcosa in cambio.

E’ un’avventura tra giallo e fantastico dove i misteriosi avvenimenti che si verificano attorno ai ragazzini e alla cittadina li porteranno a scontrarsi con “il migliore dei mali”. Il film, liberamente tratto dalla miniserie dall’omonimo titolo e  scritta dalla stessa regista, è in effetti una intensa graphic novel pubblicata nel 2019 da Shockdom, che ha portato nel panorama fumettistico italiano un’opera diversa dalle altre e per nulla scontata con tematiche caratterizzate anche dal forte impatto sociale.

Dopo Civitavecchia a fare da scenario alle riprese saranno diverse località della Regione Calabria e in particolare della provincia di Cosenza a partire da Torremezzo di Falconara, piccolo abitato affacciato sul mar Tirreno, per poi spostarsi nella nota località turistica montana di Camigliatello Silano e giungere quindi proprio a Cosenza. Non meno importante il set nella Regione Molise con il capoluogo Campobasso e la sua provincia.

Il migliore dei mali” è un’opera che si propone di avere un sottotesto in grado di suscitare  interrogativi sul futuro, sulla natura, sui conflitti, le diversità, la perdita e il sacrificio e che, come evidenzia la stessa Rovetto, “…parli a un pubblico molto giovane, ma con più livelli di lettura, inserendolo in un contesto Anni ’90, godibile anche da un pubblico più adulto.

Nel cast del film accanto ad attori molto noti e affermati come Massimo Wertmüller, Pietro Ragusa e Annalisa Insardà un gruppo di giovani promesse della scena cinematografica italiana tra cui Giuseppe Pallone (Summer Limited Edition), Andrea Arru (GlassboyCalibro 9Di4ri), Riccardo Antonaci (Grosso guaio all’Esquilino: la leggenda del Kung Fu), Giorgia Piancatelli, Niccolò Bizzoco, Matteo Ferrara.

Dietro alla macchina da presa a coprire quasi tutti i ruoli tecnici e artistici una squadra prevalentemente al femminile che potrà così contare, oltre alla regista, sulla sceneggiatrice Josella Porto, la fotografia di Marina Kissopoulos, il montaggio di Natascia Di Vito, i costumi di Sabrina Beretta e Fabrizia Migliarotti, la musica di Ginevra Nervi e Tecla Zorzi.

 

 

 

 

 

Commento all'articolo