E’ proprio questa la politica seguita da Fabio Galli, Presidente dell’ormai affermatissimo gruppo che, nato nel 1951 per iniziativa dei fratelli Augusto e Mario Galli, ora leader nella lavorazione e distribuzione di carni di provenienza  nazionale ed internazionale nel centro Italia: 15 milioni di euro il fatturato annuo che lo stabilimento di Roma lavora per il soddisfacimento delle esigenze della clientela di ristoratori e di addetti al settore intende fare ed egregiamente sta conducendo.

Lo abbiamo appreso nel corso di una originalissima visita guidata dallo stesso Presidente Fabio Galli che ha in tal modo inteso evidenziare come tra le tante iniziative del poderoso gruppo non vi sia soltanto quella di distribuire il prezioso e pregiato alimento, ma anche quella di far conoscere al pubblico degli intenditori e non solo i segreti per poter  vendere, cucinare e servire al meglio tutti i tipi di piatti di carne; l’azienda ha, allo scopo, costituito una speciale Accademia, l’Academy del Gruppo Galli che abbiamo visitato apprezzandone tanto gli scopi che i risultati finora raggiunti.

Ne è emersa la visione di una organizzazione moderna ed efficiente  al servizio dei propri clienti in collaborazione con le principali aziende produttrici, ad esempio, di macchinari per la lavorazione e la cottura della carne e con la Federazione Cuochi Italiana che all’interno dell’Accademia ha istituito nientemeno che una sua sede.

L’Academy oltre a divulgare i segreti della cottura ottimale del prodotto si occupa di ricerca e di selezione del personale utile per le macellerie e per i ristoranti contribuendo in tal modo non soltanto alla divulgazione del mestiere ma anche di produrre personale altamente specializzato.

Nel corso della visita allo stabilimento di lavorazione di Roma abbiamo appreso, tra l’altro, che gli hamburger vengono preparati di notte affinchè giungano sulle tavole il giorno successivo dopo essere stai confezionati in speciali cartoni con speciali tipi di carta che non consentono la disidratazione del prodotto fresco che viene peraltro prodotto in forma pressoché personalizzata per ognuno dei circa 450 clienti della zona di Roma, con carni prodotte proprio allo scopo provenienti da bestie tutte tra loro fisicamente diverse.

Un assaggio degli speciali burgher é stato servito ai giornalisti partecipanti alla visita: squisite specialità magistralmente cucinate con una speciale apparecchiatura ideata dall’Academy e gestita da uno chef eccezionale che per anni ha studiato varie tecniche di cottura che consentono di rendere perfettamente croccante l’esterno dell’hamburgher e giustamente cotto il suo interno. Una vera golosità!

Commenti

commenti