Tutto ciò che Marcel Marceau (Jesse Eisenberg) desidera è una vita dove l’arte sia al centro di ogni cosa.  Di giorno lavora nella macelleria del padre e di sera cerca di realizzare il suo sogno esibendosi nei piccoli palcoscenici della città. Oltre all’arte la sua passione è Emma (Clémence Poésy), una ragazza politicamente molto attiva. Per conquistarla e compiacerla, Marcel accetta di partecipare a una missione pericolosa che cambierà per sempre il corso della sua esistenza: bisogna salvare 123 orfani ebrei dalla presa dei nazisti tedeschi e dello spietato Obersturmführer delle SS Klaus Barbie (Matthias Schweighöfer) e portarli oltre il confine in Svizzera. Insieme a Emma, Marcel si unisce alla Resistenza francese per combattere con coraggio e fermezza le atrocità della guerra. La sua arte si rivelerà la più grande arma contro gli orrori del nazismo…

E’ questa la breve sinossi del film che Jonathan Jakubowicz ha scritto e diretto ispirandosi alla straordinaria vita del noto artista francese Marcel Marceu che durante la Seconda guerra mondiale si unì alla Resistenza francese per salvare le vite di migliaia di bambini e ragazzi rimasti orfani a causa del nazismo.

E’ la storia dell’immenso potere di un sogno, e del potere dell’arte stessa di portare tra la gente il sorriso e un soffio di speranza anche in un momento così oscuro. In un’epoca in cui l’odio sfrenato regnava sull’Europa, Marcel Marceau ha dimostrato quanto si possa ottenere perseguendo con forza il bene.

Protagonista principale del film nei panni di Marcel Marceau è Jesse Eisenberg (The Social Network), al suo fianco nei panni di Emma l’attrice francese Cléménce Poesy (Harry Potter) e nei panni di Sigmund l’attore venezuelano Édgar Ramírez (Hands of Stone).

Il cast principale è infine composto dagli attori Ed Harris, Matthias Schweighoefer e Géza Röhrig.

Il film sarà visibile dal prossimo 23 giugno, in esclusiva, sulle piattaforme digitali Sky Primafila Premiere, Apple Tv, Chili, Google Play, Infinity oltre che su Tim Vision, Rakuten Tv, Cg Entertainment, The film Club.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

commenti