Gianna Nannini Ph. Sabina Filice

Gianna Nannini Ph. Sabina Filice

Gianna Nannini ospite speciale della proiezione ufficiale del film “Janis” portando a venezia il Rock, “Janis” sarà nelle sale cinematografiche dall’8 ottobre.
“Janis Joplin era – ed è ancora – una forza della natura nella musica, una pioniera del rock amata da milioni di appassionati (…) Guardare le immagini di Janis che si esibisce è un’esperienza semplicemente incantevole” Amy Berg, ha dichiarato l’icona della musica rock italiana e fan della cantante americana, Gianna Nannini.
Arriva domani, 6 settembre, alla settantaduesima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia la pellicola dedicata a Janis Joplin, l’icona che ha rivoluzionato la storia del rock conquistando il mondo con il suo inconfondibile sound. “Janis” verrà presentato fuori concorso nella Selezione Ufficiale della Mostra, domani, 6 settembre, in anteprima mondiale, prima di arrivare nelle sale italiane grazie ad I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection il prossimo 8 ottobre.
Un ritratto dell’artista a tutto tondo realizzato, in un arco di tempo lungo sette anni, dalla regista candidata al Premio Oscar Amy Berg, che ricostruisce la turbolenta storia della Joplin – segnata da eccessi e da relazioni sentimentali tormentate – attraverso immagini inedite e le emozionanti lettere che l’artista scrisse alla sua famiglia, ai suoi amici, ai suoi amanti prima della sua prematura scomparsa, a soli 27 anni.
La Joplin entrò nel mito, come voce della sua generazione: con Janis la regista mostra l’artista, la sua indimenticabile voce, ma anche la donna, dolce, sensibile e allo stesso tempo forte e tormentata. A prestare voce alle parole della Joplin, Cat Power, acclamata come una delle migliori cantautrici della scena alternative rock contemporanea.
L’Italia sarà il primo Paese nel mondo in cui Janis sarà distribuito, il prossimo giovedì 8 ottobre, per commemorare il quarantacinquesimo anniversario della scomparsa della cantante, avvenuta il 4 ottobre del 1970.

Di seguito la clip del documentario “Janis”

Commenti

commenti