Sabato 7 marzo i SANTA MARGARET si esibiranno per la prima volta a Milano, al Circolo Arci “Ohibò” (Via Benaco 1, Milano – ingresso 5 euro con tessera Arci – inizio ore 2 2 .30), dove presenteranno live il loro EP d’esordio “Il suono analogico cova la sua vendetta Vol.1” (Carosello Records).
L’EP , disponibile solo in vinile, in free digital download (al seguente link http://www.santamargaret.com/download/2281 ) e su tutte le piattaforme streaming, è composto da cinque brani più un b-side strumentale registrati interamente in analogico, su nastro a 24 tracce, usando solo strumenti vintage, nessun campionamento e nessuno strumento MIDI. Nessuna operazione nostalgia, ma un modo per riscoprire il piacere dell’ascolto senza fretta del vinile.
I Santa Margaret, attualmente in studio per la registrazione della seconda parte dell’EP, hanno raccolto in questi mesi un successo dietro l’altro: hanno aperto i concerti di Deep Purple e Beth Hart, sono stati scelti come artisti del mese di giugno da MTV New Generation e hanno trionfato al Coca Cola Summer Festival 2014 (in onda in prima serata su Canale 5 e in diretta su RTL) con il brano “Riderò”. Proprio quest’ultimo brano è entrato a far parte della colonna sonora dell’ultimo film di Natale di Aldo, Giovanni e Giacomo, “Il ricco, il povero e il maggiordomo”, insieme ad un altro pezzo della band, “Vieni a gridare con me”, inserito nel trailer del film.
La band milanese è stata inoltre scelta come prima band italiana protagonista di Vevo DSCVR, format originale nato in UK e dedicato alla musica emergente, lanciato da Vevo (intervista al link http://vevo.ly/BvmsBt, performance live al link http://vevo.ly/LMcTC7).
La band nasce a Milano dall’incontro della carismatica cantautrice Angelica Schiatti con il chitarrista Stefano Verderi, che ha curato gli arrangiamenti e la produzione artistica dell’intero progetto. Negli ultimi due anni si sono dedicati alla composizione di brani originali, richiamando nel progetto altri musicisti di grande esperienza comeLeonardo Angelicchio (tastiere), Ivo Barbieri (basso) e Marco Cucuzzella (batteria).

Commenti

commenti