ARTE CINE&TURISMO CINEMA INTERVISTE LIBERAMENTE LIBRI LO SAPEVATE CHE... MODA E TENDENZE MUSICA NEWS RECENSIONI SR E JR RUBRICHE TEATRO TV
Caricamento in corso

Denis Linnik, pianista di fama internazionale, conquista la platea del Circolo Antico Tiro A Volo

Denis Linnik, pianista di fama internazionale, conquista la platea del Circolo Antico Tiro A Volo

Condividi questo articolo:

Nell’ambito delle iniziative a carattere musicale intraprese dalla  Sezione musicale del Circolo Antico Tiro a Volo, la scorsa domenica si è tenuto un concerto per piano con musiche di Beethoven, Debussy, Bela Bartok ed Ornstein: al piano il bravissimo Denis Linnk, un giovane pianista originario della città di Maryna Horka in Bielorussia che ha voluto offrire al pubblico in sala un gesto graditissimo, l’esecuzione di musiche del maestro ucraino Leo Ornstein.

Introdotto dalle dotte spiegazioni del Maestro Franco Carlo Ricci, Direttore Artistico  del Centro Musicale Internazionale, il concerto si è snodato dapprima con l’esecuzione della sonata n. 23 “ Appassionata “ in fa minore, opera 57 composta da un allegro assai, seguito da un andante con moto, un allegro ma non troppo a cui si è affiancato un breve “ presto “ che si è guadagnato gli applausi del competente pubblico in sala.

Il pianista bielorusso ha poi eseguito alcuni brani di “ Estampes L. 100 “ di Claude Debussy che si sono concretizzati con suonate dedicate all’inventiva, “ Le Pagode “, che evocano sensazioni di Oriente e l’immagine di magnifiche pagode sullo sfondo di paesaggi incantati; a seguire “ La soirée dans Grenade “, una composizione all’interno della quale l’atmosfera cambia completamente, con richiami alla Spagna e, verso il finale, un accenno di flamenco che ha richiamato le calde serate nelle strade di Granada, con  particolare riferimento  alla famosa “Habanera” di Maurice Ravel..

Di Béla Bartok Dennis Linnik, molto applaudito, ha eseguito alcuni movimenti da “ Piano Suite op. 14 “ ed, infine, il bel riferimento all’Ucraina con musiche tratte da “ Piano Sonata n. 4 “ di Leo Ornstein  che fu il primo compositore importante fare un uso estensivo del cluster e che, come pianista, era considerato un talento di classe mondiale.

A grande richiesta del pubblico il bravo Linnik si è esibito in un bis, il Valzer di Debussy che ha ancor più dato significati alla bellissima serata.

Commento all'articolo