Home Cinema Festival / Eventi Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi a “Ponza d’Autore” dopo l’assoluzione al processo...

Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi a “Ponza d’Autore” dopo l’assoluzione al processo Vaticano

Nuzzi-Fittipaldi Ponza d'Autore
Nuzzi-Fittipaldi Ponza d'Autore
Nuzzi-Fittipaldi Ponza d’Autore

“Ponza d’Autore”, la rassegna culturale curata da Paolo Mieli e Gianluigi Nuzzi, giunta all’ottava edizione, è dedicata alla #ricchezza. La ricchezza un tema “caldo” che rimanda alle vicende della Chiesa Cattolica e allo scandalo che ha travolto il Vaticano, con il processo ai giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, processati e poi assolti,  per aver diffuso imbarazzanti notizie che hanno scandalizzato l’opinione pubblica, e ancora si parlerà della riforma di papa Francesco della Chiesa, più povera e umile. Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, saranno per la prima volta insieme su un palco, domenica 31 per la serata conclusiva della rassegna e discuteranno della vicenda Vatileaks.
Dal 21 al 31 luglio 2016, l’isola di Ponza, perla del Mediterraneo, accoglie l’ottava edizione di Ponza d’Autore, rassegna culturale ideata da Gianluigi Nuzzi che cura con Paolo Mieli, con il patrocinio del Comune di Ponza e della Regione Lazio,un appuntamento con il gotha del giornalismo italiano che vedrà ospiti, tra gli altri, Mariastella Gelmini, Nino Di Matteo, Maurizio Martina, Ezio Mauro,
Marco Tronchetti Provera, Denis Verdini.
Con la collaborazione di Barbara Castorina e Valentina Fontana di VisVerbi, di David Parenzo e dell’albergatore Gennaro Greca, l’edizione 2016 sarà un viaggio nel mondo della #ricchezza declinata secondo la storia o la professionalità degli esponenti di primo piano del mondo della cultura, della politica e dell’impresa che animeranno le sette serate.
Ospiti del Gran Hotel Santa Domitilla di Ponza, i protagonisti approfondiranno ogni sera la #ricchezza del genio nell’economia, della legalità, dei diritti e nella cultura da una parte, dall’altra disvalori e devianze quando #ricchezza è fine solo a se stessa animando lobby e potere. Gli incontri si svolgeranno tra le terrazze e i giardini del Grand Hotel Santa Domitilla e il palco della Caletta.

IL PROGRAMMA

Laboratorio per interpretare le metamorfosi del nostro Paese, l’edizione di quest’anno di Ponza D’Autore prenderà il via giovedì 21 luglio con una serata dedicata all’informazione con un inedito faccia a faccia senza sconti tra Ezio Mauro, per vent’anni direttore de La Repubblica, e Paolo Mieli per due volte direttore del Corriere della Sera su informazione e poteri.
La Gran Bretagna ha deciso di non far più parte dell’Unione Europea, cosa comporterà per il nostro Paese? Il capitalismo e l’Europa unita sono ancora il futuro dell’economia o verranno soppiantato da altri modelli? Queste le domande a cui risponderà, venerdì 22 luglio, Marco Tronchetti Provera in un dialogo con Mieli. Sabato 23 il magistrato che Cosa Nostra vuole eliminare da tempo, Nino Di Matteo sarà intervistato da Nuzzi sui rapporti tra stato e mafie e sulla ricchezza della legalità.

La rassegna riprenderà poi giovedì 28 luglio quando l’onorevole Mariastella Gelmini e l’eurodeputata Pd Simona Bonafè si confronteranno su famiglia, tradizionale e arcobaleno, stepchild adoption e i diritti. Segue un serrato dibattito sul futuro del governo con protagonista l’ex segretario del Pd Pierluigi Bersani.

La serata di venerdì 29 luglio si aprirà con l’intervista di Mieli e Nuzzi al ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina. Il futuro della nostra terra e del nostro mare saranno i temi al centro di un dibattito al quale si unirà anche il direttore generale dell’università Luiss Guido Carlo Giovanni Lo Storto.
Sabato 30 luglio Davide Vecchi – firma de Il Fatto Quatidiano aprirà la serata con un’intervista esclusiva all’uomo più chiacchierato della politica italiana: Denis Verdini su Renzi e Berlusconi. A seguire Mieli dialogherà con Giovanni Floris in un viaggio che partirà dalla sua ultima fatica editoriale La prima regola degli Shardana (Feltrinelli) fino agli scenari futuri della tv d’informazione.
I dibattiti verranno trasmessi da Tgcom24, il canale all news del gruppo Mediaset, e in diretta Facebook sulla pagina della rassegna. Il Gruppo Editoriale l’Espresso e Radio Radicale saranno media partner della rassegna.