Home Cinema Festival / Eventi Roma Fiction Fest. Il resoconto.

Roma Fiction Fest. Il resoconto.

Si è chiusa domenica 15 novembre, con la premiazione al Cinema Adriano, la nona edizione del RomaFictionFest, un brand dell’Associazione Produttori Televisivi, prodotta da Fondazione Cinema per Roma, sostenuta da Regione Lazio e Camera di Commercio di Roma, con il coordinamento artistico di Piera Detassis.

L’Associazione Produttori Televisivi e la Fondazione Cinema per Roma ritengono positivo e promettente il bilancio complessivo dell’iniziativa, con particolare riguardo alla sua formula editoriale e progettuale che ha ottenuto anche quest’anno l’apprezzamento degli operatori di tutto il comparto dell’audiovisivo, una più viva attenzione della stampa nazionale e il gradimento del pubblico intervenuto.

Tra i motivi di maggiore apprezzamento, vanno segnalati il ritorno al Concorso Internazionale, una selezione più ampia, ricca di nuove proposte, la presenza di numerosi personaggi amati dal pubblico (oltre 130 i talent presenti), tra i quali anche vincitori e candidati agli Oscar® e ai Golden Globe, la scelta di anteprime internazionali inedite in Italia e una vetrina autorevole sull’eccellenza italiana, le masterclass con i talent che hanno ricevuto l’Excellence Award. La sezione business, Doc&Factual Agora, giunta alla sua seconda edizione, ha analizzato i trend del factual drama confermando il grande interesse verso questo genere (oltre 70 operatori internazionali, 4 panel e 2 proiezioni per una giornata di lavoro).

Attraverso il suo programma, il RomaFictionFest ha testimoniato l’evoluzione forte che le serie televisive e i tv movie stanno vivendo.

Il RomaFictionFest ha inoltre ospitato personalità di spicco della cultura che si sono confrontate con il pubblico e ha posto l’attenzione sulle nuove generazioni con premi e iniziative istituzionali. Infatti, il progetto per i giovani sceneggiatori “L’Eroe imperfetto”, il Premio alla sceneggiatura “Carlo Bixio “e il “Progetto Zero” della Regione Lazio aprono al mondo del lavoro, offrendo concrete possibilità per gli esordienti, generando laboratori per nuovi autori, unendo i linguaggi televisivi con quelli cinematografici, teatrali e della letteratura, e creando occasioni d’incontro con artisti e produttori.

La partecipazione del pubblico a questa nona edizione è aumentata del 20% rispetto allo scorso anno, con un picco di presenze nel weekend conclusivo. Straordinario successo per alcuni eventi, come il film inaugurale Lea di Marco Tullio Giordana all’Auditorium Conciliazione, l’incontro con Richard Madden per Medici. Master of Florence, le proiezioni di Alex & Co., Un medico in famiglia e Lontana da me, che hanno visto il pubblico affollare l’intera area del cinema Adriano e una parte della piazza.

Il budget della manifestazione della nona edizione è stato confermato in un milione e 200mila euro di cui 800mila dalla Regione Lazio e 400mila dalla Camera di Commercio di Roma. Per il prossimo anno il RomaFictionFest si sposta in estate, nella prima settimana di luglio.

La giuria di esperti presieduta da Steven Van Zandt (Little Steven) e composta da Geppi Cucciari, Giancarlo De Cataldo, Stefano Disegni, Gloria Satta, Maureen Van Zandt ha assegnato i seguenti riconoscimenti ai titoli del Concorso Internazionale della nona edizione del RomaFictionFest: per il Premio RomaFictionFest miglior nuova TV Series/Limited Series/TV Movies, THE MAN IN THE HIGH CASTLE di Frank Spotnitz; il Premio RomaFictionFest miglior Attrice in una nuova TV Series/Limited Series/TV Movies va a KASIA SMUTNIAK per Limbo; il Premio RomaFictionFest miglior Attore in una nuova TV Series/Limited Series/TV Movies aRAMI MALEK per Mr. Robot; il Premio RomaFictionFest miglior Regia in una nuova TV Series/Limited Series/TV Movies è di ERIK SKJOLDBJAERG per Occupied; il Premio RomaFictionFest alla miglior sceneggiatura va a PETER BOWKER per Capital; il Premio Speciale della Giuria a DEUTSCHLAND 83.

Una giuria di ragazzi ha assegnato il Premio RomaFictionFest alla migliore serie televisiva in grado di rispecchiare i gusti del pubblico giovanile. Il vincitore del premio è  MR. ROBOT.

L’edizione per l’anno 2016 è prevista per le prime settimane di luglio.

Laureata in Letteratura, musica e spettacolo e specializzata in Informazione, editoria e giornalismo. Se i corsi di laurea non hanno nomi lunghi non le piacciono. Nasce musicista, chitarrista classica per la precisione, ma si appassiona ben presto ad ogni forma di arte: dal cinema alla letteratura, dal teatro alla street art.