ARTE CINE&TURISMO CINEMA INTERVISTE LIBERAMENTE LIBRI LO SAPEVATE CHE... MODA E TENDENZE MUSICA NEWS PRIMO PIANO RECENSIONI SR E JR RUBRICHE TEATRO TV
Caricamento in corso

Sei Mai stata sulla Luna? Tra sogno e realtà

Sei Mai stata sulla Luna? Tra sogno e realtà

Condividi questo articolo:

Sei mai stata sulla Luna?

Sei mai stata sulla Luna?

Sei mai stata sulla Luna? nelle sale dal 22 gennaio, è una favola moderna che Paolo Genovese ha confezionato in modo garbato, in maniera impeccabile dal punto di vista registico. Ogni personaggio, e sono davvero tanti, ha una sua struttura, peccato che la storia nel suo insieme non sia plausibile, dicevamo si tratta di una favola moderna, con spunti di drammatica verità soprattutto nel personaggio di Pietro Sermonti, fidanzato di Guia, Liz Solari, bella e brava giornalista di moda che si divide tra Milano e Parigi, cinico e calcolatore, vero idiota della commedia. Guia, ha ereditato una fattoria in Puglia, lei non vede l’ora di disfarsene ma una volta tornata al suo paese d’origine, scopre che la fattoria non è solo un edificio, ma quasi un’entità intorno a cui ruotano persone e sentimenti (e sentimentalismi) a cui lei ha rinunciato in favore della carriera. Fatale è l’incontro con il bel fattore, Raoul Bova, che cambierà tutte le sue priorità. Centrale diventa il cugino, svampito, Neri Marcorè, che poi così “scemo” non è…e Sergio Rubii, il vero “saggio” della combriccola, fratello della brava Sabrina Impacciatore che interpreta la donna della provincia del sud che si vuole emancipare ma che in fondo cerca solo una cosa: l’amore. Notevoli alcune scene, a livello registico, in particolare l’abbinamento tra la “sfilata” funebre e quella di moda, una trovata quasi geniale si potrebbe dire, a conferma della qualità registica di Genovese che ci piacerebbe si provasse anche in altri generi oltre che nelle commedie genere in cui ha già dimostrato la siua bravura con Immaturi, La famiglia perfetta e Tutta colpa di Freud.

A fare da sfondo gradevole la Puglia e la canzone di Francesco De Gregori, scritta appositamente per il film, e che sarà disponibile solo nei contenuti del DVD.

Ph. Michelangelo Arizzi

Commento all'articolo