ARTE CINE&TURISMO CINEMA INTERVISTE LIBERAMENTE LIBRI LO SAPEVATE CHE... MODA E TENDENZE MUSICA NEWS PRIMO PIANO RECENSIONI SR E JR RUBRICHE TEATRO TV
Caricamento in corso

Al via dal 6 ottobre il Festival Internazionale VRE (Virtual Reality Experience)

Al via dal 6 ottobre il Festival Internazionale VRE (Virtual Reality Experience)

Condividi questo articolo:

Film e docufilm in Realtà Virtuale, VR Exhibition, Installazioni AR, Mixed Reality, Digital Sculpture e Danza VR, saranno questi i linguaggi utilizzati per presentare le opere dei digital artists che partecipano alla IV edizione del Festival Internazionale VRE -Virtual Reality Experience, ideato e diretto da Mariangela Matarozzo e concepito quest’anno in una versione ancora più estesa.

Il Contest, che offre gratuitamente al pubblico la possibilità di assistere alle opere di artisti italiani e di fama internazionale e percorre la nostra Penisola, da nord a sud si aprirà il 6 ottobre, presso il prestigioso MEET Digital Culture Center di Milano, il primo Centro Internazionale per l’Arte e la Cultura Digitale, con una serata di presentazione ufficiale alla presenza di creators e producer, per attivarsi contemporaneamente in cinque città italiane: infatti oltre a Milano, il Festival sarà presente a Roma, in collaborazione con il REF, con la mostra dedicata a Auriea Harvey, un’artista visuale americana, nota a livello internazionale ed importante esponente dell’arte digitale della quale saranno esposte sette sculture digitali presso la Galleria delle Vasche (Pelanda-Mattatoio).

Il Focus sulla danza immersiva sarà  presentato a Bologna, presso il Multisala Odeon, grazie alla collaborazione con ZED Festival, alcune delle opere in selezione saranno fruibili a Potenza, nella Sala VRoom della Biblioteca Nazionale, in collaborazione con Noeltan e a Palermo, negli spazi di Crezi.plus, grazie alla collaborazione con il Laboratorio di Comunicazione del Dipartimento di Culture e Società dell’Università degli studi di Palermo e i Cantieri Culturali alla Zisa. Nella sede di Milano le opere saranno disponibili al pubblico fino al 30 ottobre, data in cui si decreterà l’opera vincitrice durante l’evento di chiusura.

Tra gli artisti italiani selezionati dal VRE 2022 sarà presente Martin Romeo, che presenta l’opera in Concorso “I and Thou”. Romeo esplora la natura, i corpi e la tecnologia, indagando la relazione tra questi elementi attraverso sculture dinamiche, performance VR e installazioni multimediali

Dedicata, invece, alla letteratura è l’opera in Realtà Aumentata dell’artista, regista e operatrice culturale Matilde De Feo, che si concentra sulla figura della scrittrice napoletana Fabrizia Ramondino nel suo “Ramondino’s Apologue”.

“Gold Environment” di Chiara Passa, artista attiva nell’arte digitale dal 1997, è un’applicazione di realtà aumentata che utilizza algoritmi di intelligenza artificiale per riconoscere lo spazio reale e creare mesh site-specific.

“Eva & Eva” di Alessandro Asciutto è un’esperienza che nasce in seguito alle suggestioni e ricordi avuti durante l’esperienza del coma vissuto dal regista, a causa di un incidente stradale.

Tra le esperienze da segnalare il docufilm, dal titolo “Affiorare” della regista e antropologa torinese Rossella Schillaci,  “An Domhan” del francese Gaëtan Le Coarer, l’opera “Diagnosia” di Mengtai Zhang e Lemon Guo, “ Cosmic-Atomic “ di Christopher Boulton, “Cosmogonic” di Pawel Szarzynski, “On the morning you wake (to the end of the world)” dei registi Mike Brett, Arnaud Colinart, Steve Jamison e Pierre Zandrowicz, oltre che a “Childhood Revisited” di Hsin-Chien Huang.

Altri lavori da segnalare: “Madame Pirate Becoming a Legend” di Morgan Ommer e Dan-Chi Huang, “The Starry Sand Beach” di Nina Barbier e Hsin-Chien Huang, “When The Heart Tightens” di Lea Dedola,  “Lustration” di Ryan Griffen,  “Theatrum Radix” di Marlene Bart, “Repetition Redundancies” dell’iraniano Mohsen Hazrati. Ed inoltre  “Webby’s Wonder World” di Nataliya Velykanova, “Goliath: Playing with Reality “ di Barry Gene Murphy e May Abdalla,

Tra gli artisti internazionali saranno  presenti di Nikita Shokhov e Masha Vorslav con  “Dragzina”.

La Giuria Ufficiale del Festival VRE, presieduta dalla critica d’arte Maria Grazia Mattei è rappresentata da figure italiane autorevoli nel mondo delle Arti e delle Realtà Estese, decreterà l’opera vincitrice di VRE22.

L’ingresso ad ogni appuntamento del VRE ‘22 è gratuitamente aperto al pubblico.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito ufficiale: www.vrefest.com

 

Commento all'articolo